mercoledì 10 ottobre 2012

IO E STA PANTERA DER CIUFOLO

Ciavete fatto caso che quanno state chiusi drento an posto indove nun c'è nisuno ve pare che  stanno tutti a guardavve a voi?
Mbè mi moje se n'era ita co la mi fia pe cazzi loro e io me volevo fa na pennica e però me sentivo guardato. Ma da chi, che qui drento nun ce so arimasti manco li mortacci tua? Però nun se sa mai, na guardata dequà na guardata dellà, e che ce doveva da esse: gnente.
Ma poi me so girato e l'ho vista che me stava a pià le misure co du occhi da assassina.
Uddio! Na pantera nera nera che je sortiva la bava da li denti a punta come li chiodi de Cristo.
Uddio, me so detto, questa qui sbava da la voja de magnamme, già s'è messa er tovajolo ntorno ar collo e arota l'ogne su le mattonelle nove nove, te possino ammazzatte.
Buci indove infilamme nun ce ne steveno e allora ho tirato fora da la saccoccia un fazzoletto tutto zozzo e je l'o fatto vede.
"M'arenno, si propio nun vòi discute magnete nparde diti der piede sinistro che tanto è rotto e non me serve più tanto, ma lassime armeno l'onore, nzomma nun me te magnà le palle e manco er mejo amico mio".
Er massimo sforzo, gente, deppiù nun potevo propio.
Me guarda e me sbotta na risata in faccia.
Uddio, sta bestia ride! E che vor di?
"A stronzo, ma nun m'ariconosci?"
Uddio, sta bestia parla! Ma allora si lei parla potemo da discute, magara no sconto, un parde giorni de proroga.
"A ditte er vero so anni che nun vado ar giardino zologgico. Nun te tengo presente, scusame tanto".
"Guardeme mejo, fatte sortì un ricordo da quela capoccia, daje".
"So confuso. Che vòi nun m'era mai successo de parlà co na pantera. Nun ce credevo proprio de potello fa. Pe dì la verità io conoscevo un fregno che ariccontava de na trighe femmina che diventava donna e poi ridiventava trighe e poi però arimaneva donna, e invece l'amico suo che era omo diventava trighe maschio. Na fregnaccia, ho pensato, na bufala, e me pareva giusto na cojonata e invece guarda mo che me sta a capità: me sta a capità che tu me parli ne la lengua mia de me e nun so io che capisco la lengua tua de te".
"Invece d'ariccontamme ste stronzate, penza, fa no sforzo, guardeme bene, gireme ntorno che forse che forse te s'apre la capoccia e m'ariconosci".
"Ma io a te non t'o mai visto. T'arisurta che io vado a pantere? Manco più a donne vado io, pensa npo' tu".
"Mo nun me fa ncazzà".
Uddio, si questo qui s'incazza me se magna.
"No, no, lassa perde facevo pe scherzo...allora, vedemo npo'...gnente...si tu me volessi da na mano, un aiutino piccoletto...nzomma, ndove se semo visti l'urtima vorta?"
"A casa mia, scemo".
"Ndo dichi? Nde la savana? Nde la foresta?"
"None, a casa mia, a Roma".
"Te l'o già detto che io ar giardino zologgico nun ce metto piede da na vita".
"Ar giardino zologgico te ce porteno a te ner gabbio de li rangutani, li mortacci tua, che poi sarebbero puro li mia".
"Mo che vor dì sta storia? Ciavemo li morti a mezzo io e te? Da quanno?"
"Da quanno semo nati, stronzo. So tu fratello".
"Ma a chi vòi coionà? Mi fratello era un cristiano e sta a fa tera pe ceci da più de diecianni".
"No, so io, so Lito, so tornato".
E mo questo sa puro er nome de mi fratello, quello vero. Ma chi è sta creatura diabbolica?
Me deve d'avé capito perché me fa de no co la capoccia e co la coda.
"No, no, so propio Lito, so tornato a vive".
"Embè te sei sbajato scarpe e puro carzoni, nun è mica carnevale che vai mascherato da pantera. Ber costume, davero, comprimenti, ma io mica ce credo, fratello Lito, coso nero, pantero o quello che cazzo sei".
"Mo te spiego er machiavello. Allora: morto so morto e qui nun ce piove. O fatto tutto quello che dovevo da fa, me so spurgato, me so purificato e poi me so messo in fila pe ritornà sur monno".
"Ma allora è vero che quarche vorta aricicceno?"
"No quarche vorta, stupido, sempre".
"Ma tu te sei sbajato, sei arisortito bestia".
"Si la pianti de rompe li cojoni e me fai finì de ariccontatte".
"E allora daje".
"Te stavo addì che me so messo in fila, na fila longa longa de chilometri, de decenni, tutti che aspetteno e nisuno che baccaja, nisuno che mena pe fregatte er posto. Arivo an tavolino. C'era un fregno che sapeva tutto. Dice: tu te chiami così e così. Giusto. Sei morto er giorno tale der mese tale de l'anno tale. Giusto, jaridico. Allora aritorni su la tera fra trecentanni. Trecentanni, me cojoni? E nun se po fa npo' più de prescia? Dipenne, me arisponne er fregno, si vòi tornà omo so trecentanni, sinnò torni magara subbito, però bestia".
"E tu che jai arisposto?"
"Jo detto, ce devo da penzà. No, me fa lui, cotto e magnato, qui nun se penza se fa, mica come laggiù da voiantri. Allora jo detto: amore mio, famme tornà subbito e bestia, ma no sumaro e manco porco. M'arisponne che io sumaro e porco c'ero stato pe ne vita, mascherato da omo. Abbozzo, che dovevo da dì? Ciaveva raggione. Lui guarda nparde pezzi de carta e me fa: zebbra o pantera? Pantera, dico io ar volo. Zoo o casa privata? Da mi fratello. Vabbè, m'arisponne er fregno e sbatte nparde trimbi su na carta. Devo da pagà quarcosa subbito? No, fa lui, qui nun se paga, ma però guarda che pòi fatte vede solo da tu fratello, pe l'antri sarai inesistente".
"Sarebbe a dì?"
"Che me vedi solo tu e me parli solo tu".
"Me sta benissimo".
"Guarda che però io magno, piscio e caco".
"Quarcosantro?"
"No. Solo na vorta ar mese me porti ar giardino zologgico che me sgroppono na femmina de pantera come a me. Tutto pe scaricà, solo pe quello".

Quanno è tornata mi moje co la mi fia lui stava bono bono da na parte e loro manco se so accorte de gnente. 
Va tutto benissimo da quarche settimana, solo che je do la metà der magnà mio e mi moje comincia a prioccupasse perché vede sparì sti piattoni de bendeddio, er doppio de primma, e io invece de ingrassamme me so smagrito.
Capirai, se magna quasi tutto mi fratello, e io devo da fa un culo così a portà fora secchiate de piscio e chilate de merda tutti li giorni. Ma un fratello aritornato è na cosa bella assai e quarche sacrificio se po pure fa.










25 commenti:

  1. Bellissimo!
    All'inizio ho temuto che fosse la pantera di Celentano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda! Ieri sera sono entrato nella sala mentre mia moglie Anna Maria stava vedendo il concerto di Celentano. Come cantante mi piace tantissimo, come ciarlatano molto meno. Mi sono fermato perché stava cantando "Il ragazzo della via Gluck" e poi sono rimasto un po'. A un certo punto è arrivata sta pantera e mi è venuta un'idea, non troppo chiara lì per lì. Ho preso un appunto e oggi in un'ora ho scritto sto pezzullo.
      Vedi, vedi come vanno le cose.

      Elimina
  2. Complimenti Vincenzo è proprio un bel racconto,divertente ,piacevole,originale!Bravissimo!Un caro saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ci diverto con questi raccontini in dialetto.
      Ciao, buona giornata.

      Elimina
  3. Ciao Vincenzo!
    Celentano come cantante piace pure a me ma i suoi monologhi proprio non li sopporto,quando parla lo trovo tanto gnurant!
    Inizialmente credevo raccontassi di un sogno fatto durante la pennichella e che avevi mangiato davvero troppo invece è uno dei tuoi fantastici racconti colorito e mangereccio che ti vien voglia di leggerlo e rileggerlo
    Grazie :DDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può anche darsi che avessi mangiato troppo la sera avanti, ma quando l'ho scritto non avevo ancora pranzato:)
      Racconto "mangereccio" mi piace. OK!:))

      Elimina
  4. Ho detto, ma Vincenzo cosa si è mangiato oggi?
    Mi hai fatto ridere tantissimo, complimenti.
    Io non lo sopporto proprio Celentano e ieri sera mi sono vista un bellissimo film su Sky " The Help"

    Comunque io, se rinasco voglio un fratello come te.

    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo sorellina, non avrei nessuna difficoltà, ma preferisco essere il fratello maggiore e non il fratellino.
      Ciao.

      Elimina
    2. Per me sarebbe una novità.
      Sono io la maggiore.

      Ciao!

      Elimina
    3. Ho avuto un fratellone, tredici anni prima di me in questo casino, mi sono trovato da dio. Fosse stata una sorella, non so, penso che così più grande di me sarebbe stata una seconda mamma.
      Ciao.

      Elimina
  5. Capito per caso sul tuo blog e trovo questo magnifico pezzo in romanesco!!
    Bellissimo, complimenti!!
    Ma lo sai che anche io ho pensato a Celentano( potere della tv)
    Comunque anche io vorrei rinascere felino, tigre possibilmente, ma pantera va benissimo!!
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben entrata Keiko. Sei un felino? Anche io di natura e di istinto. Se proprio dovessi rinascere preferirei stavolta provare sto mondo da donna, ma se non si potesse, vorrei essere un felino, tigre preferentemente, ma anche pantera o leopardo o gattopardo, quelli che schizzano velocissimi. Anche gatto andrebbe bene.
      Ciao e a buon rendere la tua visita.

      Elimina
  6. Risposte
    1. Me fai un comprimento de gnente!
      Taringrazzio Baol.

      Elimina
  7. Non è che la panterona è di tutt'altra pasta e le frequenti uscite per lo smaltimento dei bisognini nascondono altre ragioni?
    Una pantera per fratello....... sarà.....??? Bel pezzo, Ciao Vincè

    RispondiElimina
  8. Non è che la panterona è di tutt'altra pasta e le frequenti uscite per lo smaltimento dei bisognini nascondono altre ragioni?
    Una pantera per fratello....... sarà.....??? Bel pezzo, Ciao Vincè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono i parti e porti della mia fantasia sfarfallante.
      Era una pantera maschio, fosse stata femmina, beh, avrei avuto altre idee, come quella che hai avuta tu.
      Ma io non ho avuto una sorella...:))
      Ciao Rosà.

      Elimina
  9. Ciao Vincenzo come stai?
    Manco per un pò e ti ritrovo a parlare con le pantere e i fratelli che, pace all'anima loro, non ci sono più?
    Troooppo divertente e anche un pò malinconico il tuo racconto.
    Ma ce l'hai davvero un fratello? Spero che non si sia trasformato però.
    Ti posso chiedere perchè hai scelto proprio una pantera?

    La Spia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo La Spia.
      Veramente tutto il modo di pensare e di fare comicità e anche cagnara di noi romani è malinconico. Lo dice Giggi Proietti, che di queste cose s'intende.
      Avevo un fratello, un fratellone molto più grande di me, che mi manca tanto.
      Purtroppo non si è trasformato in pamtera.
      Perché la pantera mi affascina col suo manto nero come l'inferno, come l'animaccia mia.

      Elimina
    2. Scusa eh, ma la tua animaccia è tutt'altro che nera,
      direi che è blu cobalto con qualche spruzzata di oro,
      visto che sei omo.

      Comunque va bene anche solo La Spia.

      Baci

      Elimina
  10. troppo bello!!! o sai qual'è la frase che m'ha fatto aribartà dalla sedia? quanno je chiede de fallo torna da bestia ma no sumaro e manco porco e quello ja risponne che sumaro e porco c'era stato già tutta na vita!! no là me so ntesa male da gran ride...bravo Vincè...me ce voleva na risata de core....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanno ho scritto quela frase che te piace tanto me sentivo femmina drento, e m'è sortita fora senza fa fatica. So così tante le vorte che me lo so sentito di da mi moje e puro da mi madre che noiantri ommini semo na fusione de porco e de sumaro che ala fine ce devi puro da crede.
      Ciao Mariagrà, bona domenica.

      Elimina
  11. Scusa mi correggo, hai avuto solo un fratello?
    Resta però la domanda sulla pantera.

    Un abbraccio

    La Spia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, un fratello solo. Volevo pure una sorella; c'era stata, prima di me ma era morta di meningite a pochi mesi.
      Ciao.

      Elimina
  12. Divertente, anche se un poco faticoso da leggere per una polentona come me.
    A me l'unica pantera che piace è la pink panter :))

    RispondiElimina