giovedì 9 maggio 2013

HAI CAMMINATO A LUNGO

Hai camminato a lungo per una strada impervia,
qualche volta mi precedevi col tuo incedere brillante,
altre volte ero io a trainare te tenendoti 
per mano. Abbiamo sofferto insieme,
però molto hai sofferto da sola
senza lamentarti. Abbiamo sempre gioito
insieme però, mai tu da sola e nemmeno io,
e nessuno si congratulava con l'altro:
era come un impegno preso e assolto
in modo naturale. Cosa ci resta adesso?
Andare avanti senza nostalgia, con la curiosità
dei bambini e con la loro innocenza
e in fondo, per un poco, con la loro incoscienza,
perché questi giorni che il futuro ci lascia
non ce li può sottrarre nessuno. Dammi
quindi la tua mano e cammina insieme a me.

30 commenti:

  1. Sono sicura che Annamaria apprezzerà. Anche se non le dirai mai cosa hai scritto, ne lei lo leggerà mai. Quando si sta insieme da tanti anni come voi due non é sempre necessario dirle certe cose. Ti abbraccio amico mio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci hai azzeccato: non le ho detto cosa ho scritto e forse lei non lo leggerà. Non servono troppe parole, era un monito a me stesso. Lei lo sa da sola cosa deve fare, come tutte le donne.
      Ricambio l'abbraccio.

      Elimina
  2. Se aspetti un commento, stavolta ti deludo: taccio, e, per quel poco che mi conosci, questo è già commento.
    Un abbraccio a entrambi, passo e chiudo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai il miuso duro vuol dire che ti sei commosso. Va bene così, gattaccio:))
      Un abbraccio.

      Elimina
  3. Lei sarebbe felice di trovare queste parole scritte su un bel foglio, piegato e lasciato in un suo cassetto. Una piccola, preziosa, incantevole sorpresa. Non farti mancare un'occasione del genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai dato un'idea.
      Penso proprio che la prendo per ottima.
      Grazie Euri.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Ha emozionato me scriverla, credimi.
      E non è poco alle mie latitudini...

      Elimina
  5. davvero davvero bella complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni poesia è una cosa spontanea, deve essere costruita senza tentennamenti, allora riesce bene, bastano poche righe, oneste e arriva al cuore di tutti.
      Ciao Ernest.

      Elimina
  6. ti ho risposto nel mio blog...

    Cmq ripasso da te...mi hai incuriosita!! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È molto bello quando ci si incuriosice a vicenda.
      Ciao.

      Elimina
  7. Queste parole dovrebbe leggerle la diretta interessata..sarebbe molto felice!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti riferisci alla poesia sono d'accordo con te e con Euri: penso che la trascriverò a mano e gliela infilerò nel cassetto delle sue cose.
      Ma io stavo parlando di cuoriosità reciproche tra blogger e in questo caso la diretta interessata eri tu.

      Elimina
  8. Ciao Vincenzo!
    Molto bella questa poesia dedicata,le parole che nascono dal cuore esprimono sempre quello che in realtà siamo e che a volte nascondiamo anche a noi stessi
    Mi piace immaginarvi camminare per mano,ci sono tempi che uno deve "trainare" l'altro che rimane un poco indietro ma sempre vicini con il pensiero in sintonia nei gesti e nell'Amore che mai vi ha fatto sentire distanti
    Un abbraccio :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quei tempi non mancano mai.
      Si può camminare sempre insieme.
      Ricambio il tuo abbraccio.

      Elimina
  9. Ti dico che mi piace:
    "Andare avanti senza nostalgia, con la curiosità
    dei bambini e con la loro innocenza e ... con la loro inconscienza".

    Che ti devo dire di più.
    Ti quoto caro Vincenzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi devi dire nulla di più: in fondo credo che sia quello il segreto per vivere in pace con se stessi e con gli altri.
      Mi fai sentire "quotato". Che bello!
      Sto scherzando, conosco il significato dell'espressione.
      Ciao, buona domenica.

      Elimina
  10. Un doppio grande abbraccio, per Annamaria e per te.

    RispondiElimina
  11. Il verso che chiude la poesia mi ha fatto istintivamente intonare quella canzone di chiesa che fa:
    camminerò, camminerò, sulla tua strada signor .. dammi la mano voglio restare per sempre insieme a te ...
    Non me ne volere se faccio la bastian contraria, iacopo: salvo solo il penultimo verso, il resto è troppo da baci perugina.
    Ora dimmi, le è piaciuta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ha ancora letta.
      Forse è da Baci Perugina. Ci volevi tu perché lo capissi, ma sai tra feste e window 8 e capricci della connessione e pensiero fisso al 23 del mese, anche io a volte sonnecchio...
      non me ne volere, por favor.

      Elimina