lunedì 7 luglio 2014

OBOE DI CRISTALLO


Un oboe di cristallo, levigato e messo
a nuovo, ricuce ritmi dispersi,
suoni sciolti da ormeggi,
vibrazioni vellutate sopra i pianori
di una eccitante curiosità,
di un corposo brivido sopra la crosta
della mia solitudine.

Distilla il succo della tristezza
lasciata libera. Volano ombre su muri
disadorni di case mai abitate,
diroccati, privi di aria e di sole.

Riconquisto ogni momento di questa
vita rinnovata, disseppellisco onori
riesumata la voglia di tenere
dritta la prua verso l'orizzonte
sconosciuto che ogni momento
si allontana da me e allarga
il raggio delle sue prestazioni.

Tempo selvaggio di nuove vedute,
camminamenti nascosti, viottoli erbosi
mai calpestati finora.


(Maximiliansau, 5 luglio 2014)


16 commenti:

  1. Un vecchio strumento, una musica nuova e si ricomincia la danza della vita e dei ricordi: mi è piaciuta molto questa poesia introspettiva.
    Quante volte hai ricominciato a suonare le tue melodie?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poesia introspettiva, certo, profondamente introspettiva.
      Quante volte ho ricominciato a suonare le mie melodie, mi chiedi.
      Ogni volta che mi sono trovato col culo a terra, Melinda. In parole povere: un'infinità di volte. E non è ancora finita, la vita intendo e le culate al suolo.
      Un abbraccio vivacissimo e un bacione.

      Elimina
  2. Bravo, si cambia spartito e si suona una musica nuova...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che viene anche meglio, tutto sommato.

      PS. Ho letto su facebook che sono 36 anni del tuo matrimonio. Auguri!
      Quanto eri magra, mamma mia, su quello scoglio ti confondevi coll'orizzonte!

      Elimina
    2. ahahahahahahahah sìììì!

      Elimina
    3. Comunque molto meglio magra che cicciona. Come si dice? Donna magra tutta la vita, vuol dire la preferisco magra.

      Elimina
    4. Allora pesavo 40 kg, oggi sono una signora snella di 56 kg

      Elimina
    5. Sedici chili di chiappe in più, forse....???
      ah ah ah ah ah ah ah ah ah
      :-)))))))

      Elimina
    6. Tette, cosce e chiappe! :)

      Elimina
    7. Beato lui (quello con gli occhiali)...:-)))

      Elimina
    8. ahahahahahahahah E infatti continua a vedersene bene! :))))

      Elimina
    9. Non gli si appannano mai gli occhiali? :-)))

      Elimina
  3. Sentimenti di lieve rinnovamento, con sicurezza vai dritto davanti la prua.
    Mi piace tantissimo! Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sbandata è stata governata, la prua è di nuovo diritta verso l'orizzonte che si allontana, ma sarà perseguito fino alla fine.
      Ciao sorellina di Maria, un bacio.

      Elimina
  4. Avverto le vibrazioni che scaturiscono forti dal tuo rinnovamento, ora sei ancora più forte, pronto a percorrere nuove strade, ad aprirti verso tutte quelle emozioni che riempiranno il tuo cuore. Lascia che la tristezza si disperda portandosi via le ultime ombre e tra le case diroccate vedrai nascere uno splendido fiore.
    Grazie per le belle emozioni che riesci sempre a trasmettermi!
    Un abbraccio grande :)
    Xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono io che ringrazio te per le bellissime parole che sai scegliere ogni volta. Lo splendido fiore tra i muri diroccati l'ho visto nascere il giorno che ti sei affacciato sul mio blog, Xavier.
      Un abbraccio ancora più grande a 360° :))

      Elimina