mercoledì 14 gennaio 2015

PERCHÉ SOLO



Perché solo
sognare di essere libero,
avvolgermi nel cielo freddo
del mattino;

così diversi noi due
semplice, limpida tu;

inviluppato nella ricerca
dei miei confini

mi lambisco

e mi perdo di vista ogni momento.





Maximiliansau, 13 gennaio 2015, ore 04,59

(dedicato a chi oggi soffre ed ha paura)


*****


14 commenti:

  1. "Mi lambisco" è meraviglioso. C'avrei chiosato addirittura... ;)

    RispondiElimina
  2. Mi è uscito dalla penna così, nemmeno pensato. Forse stava dentro. Le cose migliori vengono spontanee, dirompenti, come certo capita anche a te.
    Chiosare? Lo hai fatto.

    RispondiElimina
  3. " ... mi lambisco - e mi perdo di vista - ogni momento." .... capita !
    Agli spiriti liberi ... aperti alla conoscenza che, se intravede limiti, ha ali per superarli, e dunque capita alle Persone che, quali che siano state e/o sono le loro esperienze di vita, nè si arrendono al già avuto ( buono o cattivo che sia ), nè rinunciano mai a sognare "con i piedi ben ancorati sulla terra che calpestano" .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo, amico caro, che anche tu hai passeggiato "per i prati incoltivati dei formicai" portandoti dietro lo zaino pieno delle tue esperienze belle e brutte, ma tutte le hai portate aggiungendone ogni giorno di nuove, perché anche tu come spirito libero avevi il diritto "e il dovere" di continuare a sognare "con i piedi ben piantati sulla terra" che calpestavi.
      Ci eravamo persi di vista ma ci siamo ritrovati io e te.

      Elimina
  4. "Limpida e semplice tu" meraviglioso.

    RispondiElimina
  5. Anche tu sei limpida e semplice.
    Forse stavo pensando a te, oppure dovrei dire "anche a te".
    Probabile grande sorella.

    RispondiElimina
  6. Ciao Vincenzo!
    Bello il tuo lambire,arriva fino ai confini dell'anima..anche nella mia leggendo queste bellissime frasi
    Fantastica poesia caro amico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che le mie parole ti abbiano lambito l'anima. Fosse stato solo per questo meritava di essere scritta sta poesia.
      Ciao Clà.

      Elimina
  7. Caro Vincenzo, un'altra delle tue poesie che non comprendo fino in fondo...
    Ti abbraccio.

    P.s. non sono riuscita a fare quella cosa che ti avevo promesso, urge altra strada...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo ammetto, è un po' "misteriante", ma ha un senso ed una logica.
      A volte le poesie sono come quadri non realisti: non li devi capire, ma ascoltare il flusso delle sensazioni che sollecitano, anche quelle negative, perché tutte inducono ad intendere che la poesia o il quadro col suo intimo linguaggio ha parlato al cuore e all'intelletto umano.

      PS. Usa la strada della sorella maggiore, che ha la mia mail. E comunque grazie.

      Elimina
  8. Ciao caro amico è una poesia notturna e sono le più belle,le più vere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione. Io prediligo le poesie notturne, sono le più intime e le meno arzigogolate.

      Elimina
  9. Ancora alla ricerca dei mie confini, non riesco nemmeno a lambirmi.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li trovi, li trovi. Chiudi gli occhi e già li vedi
      :)))

      Elimina