lunedì 16 febbraio 2015

CHE GENTE STRANA SI INCONTRA NEL WEB

Questo è un post atipico, corto, noiosetto e inusuale per i miei tipi letterari o presunti tali, per cui non mi offenderete se lo ignorerete. È diretto ad una persona, che lancia le pietre e poi nasconde le mani con indifferenza; che lascia insultare i suoi educati ospiti da un imbecille sul suo post personale, senza difenderli, senza osare di dire all'imbecille di moderare i termini, anzi quando uno dei suoi ospiti, io per essere esatti, le chiede espressamente di intervenire risponde che io lo avessi in qualche modo provocato.
Dal 2008 sto sul web con questo mio blog ed ho conosciuto persone strane. alcune stranissime, ma questo soggetto mi mancava. Quando le ho risposto di non ritenermi un provocatore, ma parte offesa, elencandole punto per punto le mie ragioni, ha preferito chiudere il suo blog piuttosto che darmi un minimo di riscontro.
Adesso scrive in una nota senza possibilità di commento di non aver voglia di discutere con me, anzi di non voler avere interazioni al di là della sfera del blog con me. 
E chi le vuole?
Aggiunge, bontà sua, che questo fa "non perché sia orco o disonesto o che altro" ma perché non le va di farlo.
Si è sentita a suo dire controllata e diretta, cioè l'averle richiesto un intervento di moderarazione sul suo blog era un esercizio di controllo da parte mia, un voler dirigere e piegare la sua volontà.
Questa è paranoia pura.
Conclude dicendo di non sapere nulla di me e di non spiegarsi come io possa davvero sentire il bisogno di comunicare con lei.
Si tranquillizzi. Io non ho alcun bisogno di comunicare con una simile persona e sono lieto di non doverlo fare.
Ma allora perché scrivere questo orribile post? Perché non c'è niente di peggio per me che venire dileggiato senza nemmeno poter dire la mia. 
E la mia è questa: va all'inferno Bulut.

32 commenti:

  1. Servirebbe un link al blog in questione per farsi una idea.

    Comunque di persone (non strane) ma "stranissime" se ne incontrano eccome .. soprattutto ravanando nella blogosfera italica.

    Ufff..... quante.... la cosa divertente o tragica se preferisci è che le persone in questione spesso nemmeno se ne rendono conto.

    RispondiElimina
  2. Il blog è scomparso, Chico, e non ritengo sia cosa dilettevole leggere lo sproloquio finale della persona di cui si parla, perché fa cadere le braccia.
    Hai ragione: persone stranissime se ne incontra ad ogni angolo, ma rovesciatrici di frittate così abili e "insospettabili" se ne incontrano poche. Fatti un'idea: una madre di famiglia, sposata con uno staniero, con due figli, che lavora in un paese straniero ai confini dell'EU, che parla solamente o quasi dei suoi figli, quasi niente del marito -affari suoi- del suo lavoro e del suo datore di lavoro, che ospita stabilmente un perfetto idiota che si reputa IDDIO e che dà lezioni a tutti, soprattutto alla scrittrice del blog, che la manda afc e lei abbozza, che manda afc i suoi ospiti e lei non dice niente, finché non tocca me dandomi del "POVERETTO" e alloa no, cazzo! Dico io dille qualcosa a sto stronzo, fallo tacere. No, lo hai provocato tu. E come?
    Questo è quanto.
    Perché commentavo? Per quella simpatia a pelle che mi fa prediligere "a pelle" chicus fabulosus e annika kabronica per esempio. Che male c'è? Io seguo il mio istinto, sempre. Ci siamo beccati al volo e al volo capiti io e te. E non è la prima volta che mi capita. Anche con Zio Scriba del Linkazzo del skritore è incominciata a pesci in faccia e adesso siamo amici sinceri. Anche altre volte, poi qualcuno ti tradisce sempre, ma è la prima volta e spero l'ultima che non potendo rispondere direttamente mi tocca rompere i coglions ai miei ospiti ed amici.
    Scusatemi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah Enzo, tu mi fai murì! :)))))

      Elimina
    2. La tua fresca risata mi mancava, Ornè. Nun te sganascià che poi te viè er mar de panza!
      :))))))))))))

      Elimina
    3. Capitano tutte a me. Devo avere la scabbia, oppure sono un tipo all'antica. Boh!

      Elimina
  3. Vincenzo, non ti dirò di non prendertela o di non rimanerci male perchè queste cose possono capitare... Ti dico invece che queste cose (passami i termini poco signorili) fanno girare i coglioni a novanta, quindi per certi soggetti e in questi casi un bel VAFFANCULO è un dovere.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, i coglioni girano a novanta, perché se un ragazzino scappa dopo averti a modo suo profanato non ci puoi far niente, ma se scappa una laureata con la puzza sotto il naso, più che trentenne, che parla quattro lingue eccetera eccetera allora ti chiedi chi diavolo mandiamo all'estero per farci prendere per il culo dal mondo. Questa è stata la sua scelta, scelta di lei e, credimi, un VAFFANCULO sarebbe troppo onore.
      Un abbraccio.

      Elimina
  4. Guarda sono senza parole, i deficienti prolificano come funghi.
    Mandala a quel paese, almeno ti togli una soddisfazione e poi lasciala perdere, tanto se la suona e se la canta da sola.
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi volevo soltanto sfogare. Capisco che sarei dovuto andare al cesso, riempirlo e parlarle perché mi capisse, ma sarebbe stato troppo sforzo per costei da parte mia.
      Sì, hai ragione: la madre dei cretini è sempre incinta.
      Ciao Mel, bacioni.

      Elimina
  5. Enzo, ma lascia perdere. Guarda, avevo scritto un poema. Ma poi ho cancellato, sarebbe come dare troppo importanza ad episodi e persone che sono come scarabocchi sulla carta. Stai qui, ci sono i tuoi amici e a volte dovresti pure farti un giretto dalle mie parti!
    ahahahah
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sarebbe farmi un giretto dalle tue parti? E non vedi negli itinerari la bandierina crucca? E quanti ne conosci in doiccelandia? E poi accanto c'è scritto Rheiland-Pfalz, dove sto io vedi caso, e quanti altri sanno dove stai tu?
      Certo che vengo, ma tu mi impapocchi con canzoni che non conosco e allora non posso commentare, mentre sul tuo (in comune) secondo canale sei assente da un po'.
      Cara la mia sorellona, meno male che ci sono i bei tipi come te. Alla faccia di chi ci vuole male, Mariè.
      Bacio

      Elimina
  6. Ciao Vincenzo!!
    Uh mamma ma perché certe persone han sempre voglia di fare caciara e creare situazioni ambigue per poi sclerale e alla fine chiudere il blog..mah per me hanno seri problemi esistenziali e non sanno interagire con il prossimo,che ti devo dire mandala a cagare a voce alta e ignora il problema,credimi con certa gente non vale la pena stare a pensarci,spero che lo sfogo sia servito
    Buona serata,tanti baci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sclerano, sclerano Claudia in virtù dei loro problemi esistenziali, hai ragione tu, ragionissima. La tipa ne ha, si sente l'insoddisfazione, perché quando una parla solamente di lavoro e di figli, mai del marito e della sua vita interiore qualcosa di storto c'è intorno a lei. Perché per parlare dei tuoi bambini non vai a fare un blog, magari ne scrivi in privato coi tuoi migliori amici, penso io.
      In effetti carissima Claudia mi ci rodeva dentro, perché se tu non mi difendi dagli insulti di uno stronzo, fatti sul TUO blog gratuitamente, anzi mi rinfacci di avere io provocato questi insulti, poi quando io ti argomento garbatamente le mie regioni e ti ricordo che tra i tuoi doveri di blogghista c'è quello di moderare e di riprendere gli ospiti che insultano altri ospiti tu chiudi il blog, praticamente sbattendomi la porta in faccia, allora fa male e mi devo sfogare.
      Mi era già successo con un altro eccelso esemplare, che ha fatto terra bruciata intorno a sé pur di non dare una risposta. Pensavo di avere toccato il fondo. E adesso questa.
      La cosa si conclude qui, stanne certa.
      Buona giornata e tantissimi baci.

      Elimina
  7. Ma dove le/li prendi 'sti soggetti'!? Oddio.. mo' che ci penso ti rapporti pure con me il che non è un bel biglietto da visita circa la qualità dei tu compagnucci di blog.. ahah..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu non sei un "soggetto", tu sei Franco Battaglia. Tu, insieme a me, sei uno dei rari esemplari che ci mettono nome e cognome, la faccia e i sentimenti avanti a quello che dicono e lo dicono poi in modo chiaro, vivaddio.
      Per cui viva quelli come me e te, Franco.

      Elimina
    2. Troppo buono!.. apposta ti tratto male ogni tanto.. perché so' che si può parlare con te.. ;)

      Elimina
    3. La gente onesta mi può trattare male anche nel caso avesse torto, oppure meglio anche se non avesse del tutto ragione. Sono i disonesti, i lecchini, i soridenti nascosti dietro l'angolo quelli da temere, come certamente ben sai.

      Elimina
  8. Caro Vincenzo, purtroppo capita di incontrare gente così, ti direi di passarci sopra ma l'incavolatura è più forte del buonsenso perchè le persone vanno diciamo riprese, se viviamo in una società civile, un minimo di chiarimento lo devono concedere, è vvero che in rete si trova di tutto ed accessibile a tutti, ma un minimo di civiltà ci vuole, è doverosa ed è pure giusto un chiarimento, altrimenti i valori civili vanno a farsi benedire.
    Ti saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu parli di civiltà in un mondo dove si sproloquia di questo concetto, a tal punto che se ne è perduto il significato. I nostri comportamenti, caro Gaetano, sono diventati incivili, ma nessuno se ne rende conto e poi parlano e straparlano di civiltà.
      Dalla mia finestra stamattina osservavamo io e mia moglie il comportamento di tre gatti maschi, che difendevano ognuno il proprio territorio. Quatti quatti si avvicinavano gli uni agli altri senza mai dare segni di insofferenza. Poi, arrivati ad un paio di metri di distanza, si sono accovacciati formando un triangolo. A un certo punto uno dei tre si è voltato perché qualcosa lo aveva disturbato.
      "Guarda" ho detto a mia moglie, "adesso gli altri due potevano attaccarlo, ma non l'hanno fatto perché gli animali sono leali, Pensa se fossero stati tre uomini: adesso gli altri due lo avrebbero già bastonato a dovere quel poveraccio".
      È così, caro Gaetano, facciamocene una ragione.

      Elimina
  9. Caro Vincenzo, purtroppo capita di incontrare gente così, ti direi di passarci sopra ma l'incavolatura è più forte del buonsenso perchè le persone vanno diciamo riprese, se viviamo in una società civile, un minimo di chiarimento lo devono concedere, è vvero che in rete si trova di tutto ed accessibile a tutti, ma un minimo di civiltà ci vuole, è doverosa ed è pure giusto un chiarimento, altrimenti i valori civili vanno a farsi benedire.
    Ti saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti è scappato il doppione. Capita anche a me.

      Elimina
  10. la rete è la perfetta copia di quello che c'è in giro... anzi molte volte peggio perché qui si è coperti in molti casi dall'anonimato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di questo che tu affermi mi sono reso conto mio malgrado.
      L'anonimato è un'arma a doppio taglio, naturalmente intendendo anche lo pseudo anonimato, quello di chi si firma Askili bulut o si cela dietro il nome di una mitologica eroina greca. La mia risposta a Franco Battaglia poco sopra la dice chiaramente come la penso in materia.
      Nota bene che ho trovato galantuomini tra coloro che usano pseudonimi, come te, come Zio Scriba e come Riccardo, tanto per rimanere nella cerchia stretta. Ma così è anche nella vita reale. Ho frequentato per anni un certo Michele, degnissima persona un vero amico, senza mai conoscerne il cognome. Non importava, bastava una sua occhiata e una stretta di mano.

      Elimina
  11. Quello che ha scritto Ernest è più o meno quello che avrei voluto scrivere stamattina quando ho letto il tuo scritto ma non ho potuto...
    e per questo che bisogna prendere tutto con le pinze e non dare peso.
    Ciao Vince'.
    Riccardo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando il gioco si fa duro i duri incominciano a giocare.
      Bello trovarti Riccardì quando le forze sembrano venir meno. I veri amici sono quelli che non li vedi mai e compaiono quando ne hai bisogno.
      Ma stavolta sta tranquillo, non è sofferenza la mia, solamente rabbia.
      È già passata.
      Ciao Riccardì.

      Elimina
    2. Non avevo dubbi, ma è una soddisfazione che tu me lo dica.
      Un abbraccio
      Riccardo

      Elimina
    3. Di soddisfazioni si vive benissimo.
      Ciao Riccardì.

      Elimina
    4. non fraintendere, è una soddisfazione sapere che è solamente rabbia ;-)

      Elimina
    5. Fraintendere era facile sta volta. Poteva essere soddisfazione di venire annoverato tra gli amici veri; oppure perché si trattava -appunto- solamente di rabbia; oppure perché oramai era acqua passata.
      Come vedi ci stavo dentro.
      ;-)

      Elimina
    6. anche quella è una soddisfazione ;-)
      grazie

      Elimina