martedì 19 gennaio 2016

M P S E ALTRE BANCHE DI NUOVO BARCOLLANTI

Ci vuole poco a fare due più due uguale quattro.
È della scorsa settimana lo scontro verbale tra il nostro Renzi e Juncker. Non se le sono mandate a dire. A  cominciare è stato il nostro Napoleone senza cavallo. Ha accusato Juncker di essere il vassallo di Angela Merkel. Junker gli ha risposto in pratica che badasse ai fatti suoi. Naturalmente il Dux ha reagito. Allora, venerdì scorso, Juncker gli ha tirato la stilettata mortale, affermando che a Roma non ci fosse nessuno con cui poter discutere. Il buon Gentiloni si è premurato di far sapere Urbi et Orbi che a Roma ci fosse un Governo legittimo. Baggianata: un governo bene o male ci sta a Roma, che sia legittimo ho i miei dubbi, visto che il nostro Napoleone senza cavallo non è nemmeno un deputato della Repubblica -leggi eletto dal popolo sovrano- ma solamente il Segretario del partito di maggioranza (sembra almeno ancora tale) e il sindaco dimissionario di Firenze.
Il fine settimana è passato nel modo indolore di tutti i fine settimana, poi è arrivato il lunedì.
Lunedì nero per la Borsa di Milano, soprattutto nei titoli bancari, dove il Monte dei Paschi di Siena, la più antica Banca italiana ha perduto quasi il 15% del suo valore. E col Monte altre Banche che si ritenevano solide.
Cattiva l'Europa, quindi. Cattivissima la Germania, che l'Europa domina in un vassallaggio di tipo "moderno medioevo". Cattivi loro? Buoni solamente quelli del PD?
Andiamo con ordine. Quando è scoppiata la prima crisi economica la Germania, la Spagna e in parte la Francia, hanno fatto uso del danaro comune per risanare le proprie Banche. Berlusconi non ha capito l'antifona e al grido "le nostre Banche sono le meno esposte", ha deciso di non proteggerle dalla crisi rimpinguandole di danaro fresco dalla BCE.
Errore ripetuto da quel cretino di Monti, e dall'imbelle Letta. Poteva essere da meno il nostro Napoleone senza cavallo? Giammai! Nessun intervento sulle nostre Banche, sia mai! Nel frattempo Angela Merkel aveva fatto passare la legge che le Banche devono salvarsi coi mezzi propri, succhiando e azzerando conti correnti sopra i centomila euro, e tutte le obbligazioni bancarie. Bravo Renzi, e tu continua a fare il paino con le tue passeggiate alla "me li inchiappetto tutti io".
Quello che Napoleone a piedi non ha capito e non capirà mai è il seguente assunto:
le nostre Banche erano esposte per centinaia di miliardi di euro di finanziamenti ad imprese italiane. Il ristagno dell'economia -dovuto in gran parte alla mancanza di una decente politica economica di questo governicchio- ha portato al fallimento di una miriade di imprese, con conseguente volatizzazione di miliardi e miliardi di Credito. Se adesso lo Stato non può più intervenire, dato che le Banche sono fuori per oltre 200 miliardi di euro nel caso non trovino nuovi azionisti e soldi freschi sapete che succede? Falliscono. Allora si lascia morire il MPS e si crea il NUOVO MPS, tutti i risparmi accumulati sono persi e ci risiamo con la Banca dell'Etruria bis, tris e quadris.
Colpevole di tutto questo non è l'Europa, che ha mandato un chiarissimo avvertimento al nanerottolo di Palazzo Chigi: fai meno il gradasso che noi ti liquidiamo in due settimane.
Si può e si deve battere i pugni sul tavolo in Europa, ma nel momento opportuno, non per farsi applaudire dal proprio elettorato e battendo i tasti giusti. Si può attaccare la Cancelliera tedesca, ma non nel momento in cui fa opera umanitaria. Si aspetta e le si rinfaccia tutti i soprusi fatti riguardo Lampedusa e la Grecia, la si colpisce nel punto debole della sua politica e non nei punti di forza. E non ci si azzuffa con il Presidente della Commissione europea su questioncelle da serva.
Invece di fare il bello con le mani in tasca fischiettando accompagnato dalla sua bella ministra Boschi si cerca alleanze.
Purtroppo nel momento più critico della nostra democrazia noi abbiamo al timone un idiota che non sa fare altro che raccontare balle, quelle balle che stanno facendo ridere l'Europa ormai da diversi mesi.
I cittadini italiani corrono un rischio atroce se questo mininapoleone non si toglie dai piedi, ma purtroppo l'uomo che sta al Quirinale non ha nessuna personalità per prendere decisioni di questo calibro.
Berlusconi è stato abbattuto da una manovra economica a livello planetario, con lo spreed portato artatamente oltre i 500 punti. Questa volta adoperano il mezzo caro al Confù: colpisci duro sul duro e affonda sul morbido. In sostanza una mazzata sulle ossa e un'affondata sul buzzo e questo qui è SOLAMENTE buzzo.




  

58 commenti:

  1. Condivido pienamente il tuo pensiero e mi piace il tono ferocemente ironico del post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potendo sbranare chi ci comanda mi limito a prenderli in giro, se non fosse che qui ci si sta spalancando un baratro sotto i piedi. Speriamo bene, ma non mi piace proprio per niente questo inizio d'anno.

      Elimina
  2. Come ti ho scritto nel mio blog, sono solo mie opinioni.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che quelle espresse siano solo le mie opinioni e che l realtà dei fatti si incarichi di contraddirle. Nessuno sarebbe più felice di me se potessi constatare di aver visto tutto male. Ciao.

      Elimina
  3. Tra l'altro Renzi ha iniziato a demolire tutto il welfare sociale e sono fatti, che in Italia si pagano tante tasse per pochi servizi.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due osservazioni.
      La prima.
      Ieri mio genero in Italia compiva gli anni e gli ho fatto gli auguri al telefono. Costui dirige il centro riparazioni e smistamento dell'Italia dell'est a Cervignano del Friuli; ultimo grado di avanzamento. Per una legge di Berlusconi alla fine dell'anno, oltre alla tredicesima, ricevevano il rimborso di parte delle tasse pagate durante l'anno, non chiederm di quali tasse, ma mio genero faceva affidamento su uno stipendio di dicembre di almeno 2500 euro. Ha trovato in busta solo 1000 euro. Una rapina. Legge cancellata dall'attuale governicchio.
      Seconda osservazione.
      Ieri qui in Germania il diesel stava a 0,89 centesimi al litro, la super stava a 1,14 centesimi.
      Mio genero mi dice che da loro in Friuli, zona di frontiera con la Slovenia dove il diesel sta a un euro al litro, con la tessera di frontiera il diesel stava a 1,20.
      Però caso strano anche in Veneto, provincia di Venezia, senza tessera la pagavano 1,20.
      Chi si frega quei soldoni?
      Quante balle in meno dovrebbe raccontarci il Pinochietto nazionale e la sua concubina e quante cose dovrebbero spiegarci.

      Elimina
  4. Io di economia capisco zero. Per cui non ho molte parole a parte condividere quanto hai scritto. Il problema è solo uno: chi governa resterà in carica fino al 2018. Faremo in tempo tutti quanti ad andare in giro con le pezze al culo.
    Grazie per le informazioni.
    Mariella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preg.ma Vs a riscontrare.
      Concordo su pezze al culo. Stop.
      Sul mio piccole pezze. Stop.
      Culo pequenho. Stop.
      Culi femminei notoriamente cospicui. Stop.
      Abbisognano di molta più stoffa. Stop.
      Augoroti tuo non eccessivamente eccedente. Stop.
      Enzo

      Elimina
    2. No, mio giusto. Stop. Sceglierei pezze arcobaleno. Stop. Almeno mi girerebbe attorno ancora qualche colore. Stop. Che prevedo tutto grigio. Stop. Mari. Stop.

      Elimina
    3. Giusto? Questioni di punti di vista.Stop.
      Di fronte, di lato, di dietro, da sopra, da sotto. Stop.
      Perfette le pezze colorate.Stop.
      Avremo culi rappezzati e pezze culurate. Stop.
      Ti diverti vero? Ari stop.
      Abbraccio circumnavigante. Stop.
      Enzo

      Elimina
  5. La nostra debolezza ormai è risaputa,e se l'economia è in difficoltà ne risentiamo maggiormente.

    Cina,petrolio,non ci sono più soldi,quei pochi vanno al necessario,non si possono avere disoccupati,stipendi da fame e pretendere di vendere all'infinito,non funziona.

    E poi le borse scendono e poi saliranno,mi affascina davvero poco

    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben inserito, Ivo. Credo sia in corso un'enorme speculazione di terzi, che intendono lucrare sul titolo bancario del MPS. Svendono adesso per far crollare il titolo e poi ricomprare facendo un guadagno colossale.
      Ma non mi stupirei se, contemporaneamente, questo attacco non fosse un chiaro avvertimento al borioso pupazzo di Palazzo Chigi, uno "stai calmo, bamboccio, che altrimenti ti disintegriamo in due settimane". Temo che voglia fare il bullo e vada allo scontro. Allora so cazzi, si dice a Roma, perché gli faranno pelo e contropelo.
      Il guaio è che pagheremo tutti le sue passeggiate da guardateme quanto so bello con le mani in tasca e la giacchetta attillatissima aperta per far vedere la trippetta.
      Amintore Fanfani era di Arezzo, mi pare, veniva dalle stesse sagrestie ma aveva un'altra educazione. E poi era intelligentissimo. Questo qui....lasciamo perdere.

      Elimina
    2. Il grosso guaio è che ha intercettato quasi tutti i voti caimani,spero che gli elettori di sx a malincuore abbandonino un'idea che ormai è stata stravolta.

      Il vero problema è che l'unica alternativa possibile sia il movimento con le stelle,i problemi e i difetti sono vastissimi in quel contesto,brutto momento epocale quello che stiamo vivendo,avrei scommesso che il post caimano fosse superato,invece si è nuovamente materializzato.

      Elimina
    3. Il caimanismo non muore mai in Italia, ma cambiare la Costituzione con i voti del transfuga Verdini e dei suoi non può essere motivo di vanto. Credo che dovrebbe vergognarsene e lo farebbe se avesse una coscienza.
      Mi chiedevo: la doppia Camera avente gli stessi diritti era stata una scelta dei Padri Fondatori per evitare un altro caso di dittatura; era un controllo, una vigilanza; se adesso perde la sua funzione di controllo e in più colui che dovrebbe essere il garante della Costituzione è un imbelle raschio di sagrestia di paese, chi, ripeto chi controllerà i doveri della casta e i diritti di noi cittadini?

      Elimina
    4. Una sola camera con l'aggiunta di nominati provenienti dalle regioni,ed è già un campanello d'allarme per la democrazia,aggiungendo un incredibile bonus a chi vince magari con una maggioranza relativissima.

      Tutto questo con l'alibi della governabilità,accipicchia!

      Elimina
    5. Ecco, appunto: niente controllo della seconda camera -che esisterebbe solo per la forma, essendo composta di nominati speciali, cioè servi e lecchini- nessuna opposizione dal Colle; bonus assurdo, nel senso che se tu raggiungi il 40% ti regalano un 15%, che ti consegna il paese legato e imbavagliato. Stampa venduta, TV al tuo esclusivo soldo...
      se non è dittatura questa!

      Elimina
  6. Delle banche non so nulla, strozzinaggio, ruberia, ladrocinio, sottrazione,furto continuato, a parte.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo Cris, ma le Banche vendono la merce più cara che esiste e senza la quale non si va avanti: il danaro. Ce l'hanno loro, o almeno dovrebbero averlo, ma la politica economica degli ultimi governi, ultimo di Berlusconi compreso, ha fallito su tutta la linea. Guarda questi imbecilli: perdono -in questa situazione- il loro tempo dietro a stronzate come il cambio impellente ed abusivo della Costituzione, si rigirano i pollici sulle adozioni dei Gay, sul matrimonio dei Gay se vale quello dei preti oppure no e dimenticano il mercato del lavoro, la disoccupazione e tutte le cose veramente importanti.Basta raccontare barzellette al TG1, TG2 e TG3, sempre RAI, dire tutto va be madama la marchesa tanto i loro stipendi sono al sicuro.
      Se, e sottolineo se tre volte in rosso e blu, si farà il Referendum abrogativo voglio contarli i cretini che daranno il voto al pupazzo nazionale. Voglio proprio vedere se sto stronzo manterrà la parola che ha testè ieri ribadito, che cioè SI RITIRERÀ DALLA VITA POLITICA in caso di vittoria del fronte del NO.
      Voglio proprio vedere se lo farebbe, ma ci credo proprio.
      Ci spero solamente. Peggio di così non potrà mai essere.

      Elimina
  7. "voglio contarli i cretini che daranno il voto al pupazzo nazionale." Scommettiamo che saranno la maggioranza?
    Un caffè? Quando vai giù a Civitavecchia me lo dici... tanto io sono di quelle parti e ti raggiungo facilmente.
    Rifaccio la domanda che ti ho fatto sul mio blog: quando sarà che gli italioti (gli stessi che si trovano nelle piazze per le partite di calcio) alzeranno nuovamente la testa? Secondo te naturalmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La speranza è l'ultima a morire, si vocifera che sia ancora in vita alla ricerca di nuovi sbocchi. La speranza. Deve essere una donna un po' scema, ce ne sono. Comunque lasciamola vivere.
      Cosa penso io? Siamo un popolo di egoisti e di leccaculo: tutti abbiamo una mamma, tutti abbiamo fiducia in una delle tante madonne che piangono, che sanguinano, che appaiono qua e là e che certamente ci tengono una mano sulla testa. Me spiegai? Siamo un popolo di merda per queste cose, perché siamo un popolo di menefreghisti e quei pochi che vedono lontano vengono aborriti come vecchie Cassandre.
      La testa la si può rialzare solamente in un modo: appena ci danno l'occasione di esprimere un voto, che sia non un voto ma una sentenza, perché questo stronzo è una marionetta nelle mani delle Grandi Banche straniere, il loro referente. Sbuffa, sbraita, alza la voce perché gli hanno detto che DEVE FARE COSÌ perché il popolino scemo gli dia retta.
      Renzi a casa col suo governicchio.
      Meglio un destrorzo come Salvini che però è italiano e lavora per l'Italia. E io che certa gente come Salvini non la posso vedere mi ritirerò in un convento. Il Movimento pentastellato ha dimostrato la sua pochezza nella vicenda del comune campano. Sono bravi a criticare ma sono come gli altri.

      Elimina
    2. Sei delle mie parti? Esattamente di dove?

      Elimina
    3. Venafro (IS)
      Conosci? Non c'è una grande distanza

      Elimina
    4. Per il tuo commento precedente: sono più che d'accordo con te specie quando dici che siamo un popolo di merda per queste cose... ahimè come hai ragione amico mio

      Elimina
    5. Anni fa passammo una vacanza a Cassino. C'era il mio primo maschio che faceva il corso di allievo sottufficiale. Eravamo a pochi chilometri da Venafro, ma non ci sono mai arrivato.
      Eravamo in tre: io, AnnaMaria e il mio ultimo maschio, Federico, che allora aveva sedici anni. Quest'anno ne farà 43 quindi sono già passati 27 anni. Mamma mia!
      Ieri sera a Porca a Porca c'era ospite il grande cocomeraio.
      Forza di un telecomando! Premi un tasto e via il cocomeraio.
      Sono tornato all'una di notte: il cocomeraio stava ancora vendendo i suoi cocomeri, con la sua solita espressione da pinocchietto esilarante.
      Siamo un popolo di merda perché diamo credito a questo saltimbanco del politichese e non pretendiamo scendendo in piazza che quel sepolcro imbiancato, inquilino del Quirinale, decida di sciogliere le camere ed indica FINALMENTE le elezioni.

      Elimina
  8. Ciao Vincenzo, pensavo di trovare un Blog di poesia e/o prosa, ma naturalmente, non essendo solo quelli i miei interessi, ecco che mi inserisco tra i lettori di questo tuo spazio.
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben arrivata e grazie del tuo contributo, Gabriella. Di norma pubblico spesso quasi solo poesie e racconti, ma viviamo una situazione così particolare che nessuno dovrebbe esimersi dall'esprimere la propria opinione, in modo civile quanto più si può. Situazione che tra l'altro tocca direttamente la mia famiglia, in quanto mia moglie avendo venduto la casa di famiglia, ha investito tutto il ricavato in azioni non a rischio nel MPS. Sono un po' meno di centomila euro, ma quando si firmano certi contratti non è che ci sia un commercialista accanto a leggere certe clausole. Me le sono rilette, sembrerebbe tutto Ok, ma temo la fregatura. E poi no esistiamo solamente noi, ma un popolo di gente onesta che non dovrebbe essere turlupinata da leggi truffaldine.
      Di nuovo grazie.

      Elimina
  9. Beh ... in questo contesto in cui, pacatamente e con rispetto per le idee altrui, si disserta "anche" di politica, non mi dispiace, caro @Vincenzo, di dire la mia sul tema che ci occupa ... anche a costo di ripetermi, come ad esempio sul fatto che @Irrenzi mi sta cordialmente sui coglioni, e che mai e poi mai, nemmeno con la pistola puntata alla tempia, lo voterei quale membro del parlamento e/o capo del governo, così come non gli ho mai dato, in passato, uno straccio di voti e/o preferenze !
    Ma detto questo per onestà intellettuale, come per il navigante è bene NON dimenticar mai i punti cardinali del viaggio ... così è bene rielencare anche qui i fondamentali del nostro viaggiare, e cioè i fatti da conservare nella Memoria, soprattutto in questo mondo zuzzerellone e scordarello in cui ci ritroviamo, nostro malgrado, a vivere purchessia !
    E dunque :
    1) al contrario del @berlusca, il borioso ed antipatico @matteo non ha scheletri nell' armadio ( quali le collusioni - cfr, Mangano & Dell' Utri - con la mafia, il riciclaggio del denaro sporco, la diffusione, a sua cura e spese, della puttanaggine, del mignottaggio da occupazione e/o mantenimento della poltrona di cui invece abbonda l'armair del porno nano ) ;
    2) pur antipaticissimo, @Matteo, di fronte a @peppegrillone e @salvinastri, vincerebbe qualunque concorso di simpatia appetto a cotali rivali ;
    3) è spocchioso, questo sì ... ma che dire dei @dimaio, delle @taverna, dei @casaleggio, dei @fico e dei @dibattista che, quando parlano, sembrano unti del signore appena discesi dal Sinai ???
    4) e dei pseudo-fascisti @meloni ( quella, te la raccomando ... ), @larussa o @gasparri, tutti disertori dei banchi scolastici, tutta marmaglia politica che, senza @Fini, sarebbero il niente di niente e che invece, per ricompensa, sono stati i primi a pugnalarlo alle spalle zompando sul carro del vincitore e pensando, erroneamente, che gli italiani han poca memoria ???
    5) al contrario del @berlusca ( che proditoriamente rubò al marchese @casati, per quattro soldi farlocchi, la dimora di Arcore .... pronubo quell' altro "giglio immacolato" di @cesarone previti ), il @matteo, più che i postriboli e i lupanari, bazzica le sacrestie e le curie romane, e si è sposato una sola volta, con la non bella sua ex compagna di boy-scout d' una volta ;
    6) più che giurare e firmare il "contratto con gli italiani" dall' orrido @vespa ( mammamia ... costui non muore mai ), l' @irrenzi ha promesso e giurato. e facendolo davanti al parlamento, che, ove il referendum confirmatorio della Legge di variazione della Costituzione desse un risultato a lui contrario, ebbene smetterebbe di fare politica, e questa, conoscendolo, non è una promessa da marinaio ;
    7) da quando il toscano è alla guida del governo, ha favorito riforme e crescita, ha riguadagnato considerazione innanzi all' Europa, sostiene la crescita senza deturpare lo spread, tramite il bravissimo ministro romano @Padoan ( ed anche grazie a @Draghi, al calo del petrolio ed alla crisi cinese ) ... affermando che tali risultati, pur per lui lusinghieri, sono una pur misera cosa rispetto a quello che egli dovrebbe fare ;
    8) e concludo ricordando agli uomini di scarsa memoria, che quando lo spread zompò a 500 punti ( contro gli attuali circa 110 punti ) e la situazione divenne insostenibile per il nostro paese ormai sull' orlo del fallimento, gli artefici dello sfascio furono il @pornonano e la legaladrona, e fu infine il @berlusca, e non @monti o @renzi, a firmare "la lettera di dimissioni" inviata al Consiglio Europeo e mirata ad evitare all' Italia un infausto commissariamento, anche se costui, povero martire, ama ora parlare in ogni dove, e sempre fidando nella poca memoria altrui, di complotto politico (sic!) fatto da ignoti contro di lui .
    Ecco, questo è lo stato dell' unione, e voglia iddio che, tutti noi italiani, non si riveda mai più sulle scene del governo quella sorta di infima corte dei miracoli che ha già sfregiato, e per lungo tempo, il nostro Paese !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bruno, io ho molto rispetto per te -che tra l'altro sei della mia generazione- e per le tue idee, che riferisci SEMPER con immensa educazione, cosa assai rara.
      Non sono però d'accordo su tutto, ma tranquillo, si tratta di dettagli.
      Procediamo punto per punto, così non facciamo confusione.

      1) Il nostro bel paino non ha scheletri nell'armadio, ma fidarsi è bello diffidare è meglio. Non ha un trascorso come quello del Berlusca, perché non ha messo su un'azienda come Fininwest, non ha dovuto mai esporsi più di tanto, ma adesso lo sta facendo. A costo di che prezzo? Non lo so io né tu. Vedremo.
      2)Peppegrillone e Matteosalvinone sono saltimbanchi contro cui vinceremmo io e te scalzi e nudi, facendo solo boccacce.
      3)Il paragone tra la spocchia di Irrenzi e quei poveri figuri che hai nominato tu non regge. Ma non ci sono concorrenti validi.
      4)I residuati bellici del postfascismo fanno tenerezza e pena, perché ci credono ancora, porelli.
      5)Lasciamo questo argomento perché l'esperienza mi ha purtroppo insegnato che dentro le sacrestie succede di tutto. La moglie unica, l'assenza di frequentazioni postribolari mi fanno venire il prurito nel fondo schiena. Eh sì, caro Bruno, io alle anime pure nun ce credo propio.
      6)E tu ce credi? NON LO SO. Il nostro maggior ciarlatano è strasicuro di vincere il referendum -dio ce ne scampi e liberi- strasicuro che gli italiani siano un popolo di cretinotti che ti compri con un piatto di lenticchie.
      7)Mah! Ci sono tante leggi e leggine che mi puzzano di zolfo.
      Per quel che riguarda la crescita, uno zero virgola qualcosa non è roba da sventolare ai quattro venti. La Germania ha rallentato, ma va avanti a più due per anno e poi da dove sono partiti loro e da dove partiamo noi?
      8)Io invece ho sempre pensato che gli USA abbiano fatto il diavolo a quattro per debellare un grosso pericolo: un eventuale patto particolare tra Putin e l'Italia, membro della NATO e paese fondatore dell'Unione Europea.
      Parlamose chiaro, Bru: non c'erano i motivi economici per uno spread di oltre 500 punti, e soprattutto un tale spread non scende di oltre 300 punti in un mese per quante pezze potessero metterci Monti e la Fornero.
      Monti e la dama piangente ci hanno bastonato durissimamente.
      In conclusione l verità che emerge dl tuo ragionamento è che purtoppo -PURTROPPO- noi elettori non abbiamo una scelta politica seria, la nostra classe politica essendo di vile conio, dove vai vai.
      Che dio ce la mandi buona, Bruno caro.
      Buona domenica.

      Elimina
  10. CheDio ce la mandi buona ???
    Sperèm ... e soprattutto SENZA MUTANDE !!! :-)))
    Post Scriptum : non però la @santanchè, eh ? Quella, così come il suo compagno (sic!) @sallusti ... sia che indossi le mutande, sia che non le porti addosso, mi stà francamente sulle balle !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza mutande te lo concedo, ma non col bucolino già opportunamente unto di vasellina, eh no!!!
      Santanché, Meloni, Carfagna, anche se hanno meno scheletri sotto il letto della Boschi mi stanno tutte, ripeto TUTTE, sulle palle.
      Non abbiamo scelta: fanno uno più schifo dell'altro.
      È scurissima, Bruno.

      Elimina
    2. Hanno meno scheletri ?!? Nau ... ne hanno assai di più, ma di natura lupanaristica & postribolare !
      In Senato ... la 1^ mozione di sfiducia avversa alla @Boschi, è frattanto caduta, e cadrà anche la 2^ tuttora in corso, soprattutto per mano dei peppegrilloni, stanne certo @Vincè : il super-antipatico @Irrenzi ( che lo possino schjoppà ... quanto mi sta sulle palle ) sa quello che fà, altro che !
      Noyo, del resto .... sperèm ! :-)))

      Elimina
    3. Chettedicevo, @Vincè ??? Anche la mozione dei @peppegrilloni adversus @Renzi ... ha fatto la fine der coco de la rosetta, ecciovè è finita ar secchjo de la monnezza, e ciò, con una maggioranza ancora più grande della 1^ .
      E noyo ???
      Sperèm ... ancora !!!

      Elimina
    4. Io nun parlavo de quelli scheletri lì, ma de quelli de li sordoni e lì me pare che Elena Maria le batte da lontano.
      Irrenzi sa quello che fa? Sai che te dico? È troppo stronzo e se crede er padreterno, prima o poi se caca sotto da solo.
      Le mozzioni de sfiducia lasceno er tempo che troveno, so tutti de loro, mo che cianno puro li verdiniani e li rottinculo.
      Però ha visto che figura demmerda co le statue arivestite pe nun fa vede la fregna e le palle ar boia de Teheran?
      Questi se la metteno da soli la vasellina ar culo.
      In mano a chi stamo Bru? A li vassalli.

      Elimina
  11. Caro Vincenzo, come vedi mi è stato facile trovarti.
    ora non farò un lungo commento, ma dirò solo che mi sono già messo trai tuoi lettori, ora andremo avanti tra veri amici, solo che io gradirei che tu mi conoscesse meglio, il modo è facile nel mio blog sulla destra ce il mio libro, La storia della mia vita, ti consiglierei di scaricarlo e leggerlo credo che lo troverai interessante.
    Ciao e buona notte caro nuovo amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te dell'inserimento. Come ho letto abbiamo una data importante e indimenticabile in comune. Noi siamo le rocce che resistono alle intemperie e più passa il tempo più sono lucenti.
      Cercherò di scaricare il tuo libro. Ho detto cercherò che non è un eufemismo, ma io conosco la mia scarsa abilità al computer, ma ho nipoti agguerritissimi cui chiedere aiuto.
      Buona giornata, Tommaso.

      Elimina
    2. Cara Vincenzo, fa piacere sentire che lo scaricherai, non aspettarti una opera letteraria.
      È semplicemente il racconto della mia vita. fino che poi è arrivata la pensione, scritto da uno che la V° elementare la fatta alle scuole serali a 20 anni.
      Buona serata amico.
      Tomaso

      Elimina
    3. Pensi che le opere letterarie siano poi tanto preziose? Senza fare nomi ho avuto stretti rapporti con una scrittrice che vendeva decine di migliaia di copie con una grande Casa Editrice e quando mi scriveva faceva sovente errori di sintassi. Per esempio non azzeccava quasi mai i congiuntivi e qualche volta li confondeva coi condizionali.
      Ma prima di arrivare alla stampa un testo cosiddetto letterario va in mano minimo ad un editor che gli dà forma e che corregge sistematicamente punteggiatura e scivolate grammaticali. È il suo ben pagato mestiere.
      Buona serata, Tomaso.

      Elimina
  12. Diciamo che chi è titolare di conto MPS è bene che si informi...meglio.
    M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al telefono è dura. Io preferisco vedere le persone in faccia mentre mi parlano, perché a pelle sento se mi stanno prendendo in giro oppure no.
      Conto di fare un salto in Italia appena dopo Pasqua. Speriamo che regga, ma qualcuno mi diceva l'altro giorno che non è assolutamente facile togliere soldi da un conto in Italia, soprattutto quando si tratti di danaro vincolato.
      Vedarin putei.
      Ciao e grazie.
      E.

      Elimina
  13. Eh eh eh eh ... frattanto er @borioso iffiorentino ( nonchè 'Campione Mondiale d' Antipatia' ), dopo d' avè buttato a la monnezza le du' mozzjoni adversus sè quale Capo der Governo in quanto, a scorno e disdoro de li @peppegrillastri, er conflitto de l' interessi NUN SUSSISTE, se la sta allegramente a rimpastà er Consijo de li Ministri ( come a dì :"A @peppegrullo, a @pornonano,a @sarvini ... pjatevela 'n der culo ! ) . E hai vojia li @gaspari, le @meloni, li @larussa ( tutti disertori de la zappa e de la scòla, tutti politicamente zero, si nun l' avesse promossi er @Fini ... e lo so' annati a accortellà a le spalle ... 'sti puzzoni ) a starnazzà fregnjacce a destra e a manca : lui, er @Matteo, li sta trattanno tutti quanti loro, fascjo o nun fascjo, legaladrona o nun legaladrona,'a poisson sur le visage' ! Mo ... tocca a li europei, si se permetteno de boicottà er Patto de Stenghene ... l' anima de li mejo loro !!!
    A @Vincè ... saremjo puro governati da li vassalli, ma armeno nun stamjo a fà li servi ne li postribboli e ne li lupanari, e, ar monno, quanto a genjo e origginale creatività, nun semjo seconni a gnissuno ! :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi ariva er primmo stronzo nazzionale a Berlino, pe dijene quattro a la culona -dice lui- e pe fasse rispettà.
      A parte che tutto er monno s'è pisciato sotto da le risate pe le statue inguattate pe nun fallo addrizzà al forcarolo co l'asciugamano in testa, a parte che avemo fatto la figura dei morti de fame co l'orloggi Rolex, che a momenti se scanneno pe portasseli a casa, a parte ste figure demmerda che fa sempre sto governo der cazzo, ma ndò sta scritto che lui mette er deto sotto ar naso de Angelona e lei nun glielo magna? Ciaveva provato puro er greco, quer Dsipras che aveva fatto puro er referendum e poi quanno è tornato a Berlino lei ja detto: embè? Fatteli fritti tutti queli voti, qua ce devi da dà li sordi nostri. Fine der coloquio.
      Lui dice che je vorebbe dì che l'Itaglia va mejo assà de la Germagna, che le banche nostre lui nun le scambia co quelle de li crucchi e lei je fa na risata in faccia, me la figuro. Vedessivo quanno che parla ar Bundestagghe sur grugno de quelli che vorebbero falla sta zitta. Nun fa la stronza come Irrenzi che arza la voce pe dì le cazzate sue, lei la voce l'abbassa, scandisce le parole e te lassa a sede.
      Da domai me compro er Frankefurter Allgemeine Zeitung, giornale serio pe sentì quello che ja detto lei, mica sto a sentì le bucie de la rai che te dice che tutto va ben che ciavemo un gran capo.
      A Bru, ciò na paura sola: l'itagliani so stronzi, leccaculo e boni a 'n cazzo. Mo ariva San Remo e se ne fregheno der resto, magari fanno la fame ma le canzoni de quell'antro fiorentino der cazzo le stanno a spettà come er miracolo de marzo.
      Chisà quanto dovremo da faticà pe scaricà sto pezzo de merda.
      Ciao.

      Elimina
  14. Vincenzo, il tuo apprezzatissimo commento qui sopra mi ha fatto morire dal ridere. Ma posso ridere perché non sono incappata in nessuna delle banche ballerine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ambra, ridiamo finché possiamo perché qui è in atto una sdemocratizzazione della nazione nostra, abituata ai festival, lle mangiate fuori porta, alle canzoni cantate tutti in coro e basta.
      Noi siamo un popolo di bonaccioni e di fessacchiotti. Davanti alla TV, quando certi programmi mettono in evidenza sprechi e fregature immonde ci indignamo. Poi la signora moglie ci chiama e noi corriamo a tavola per ingozzarci giulivi il pasto della sera.
      Intanto lui, il metronomo, rimpasta il suo governicchio, togliendo i leggeri oppositori -leggi quelli che non rispondono subito e sempre SISSIGNORE- e ci mette gli arcileccaculo e intanto aumenta il peso -si fa per dire- del suo alleato Alfano per dargli il contentino in cambio dell'appoggio incondizionato sulla legge sui diversi. Pensa che adesso Angelino Alfano ha più poltrone che voti.
      Tu non eri nata, io nemmeno ma mio padre me lo raccontava: Mussolini fece così nel 1923. Pierino si è studiato la lezione, anche la camminata. Mussolini fun accolto trionfalmente alla Haupbahnhof di München nel 1938 da Hitler in persona, mica c'è andata Anghela.
      Hanno parlato due discorsi differenti, così lei l'ha fatto contento e cojonato.
      Ciao Ambra.

      Elimina
  15. Guten Abend lieber Enzo ...leggere i fatti di cronaca politica scritti in questa maniera ...tragikomica... in un dialetto così simpatico ,libero ..diretto ...come tu e il cavaliereerrante vi siete espressi e presentato , mi è piaciuto moltissimo ed ho fatto le mie risate ..detto tra di noi ...siete forti...
    Dir ,wünsche ich eine süsse Nacht...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Bianca, mi mancava il tuo apporto. Sì, io e il cavaliere cazzeggiamo in dialetto trasteverino che ci fa ridere e fa ridere chi legge, perché ridere è meglio che piangere, ovvero c'è sempre tempo per piangere. Temo che quel tempo si stia minacciosamente avvicinando e nemmeno ce ne rendiamo conto. Oggi è sabato, domani domenica, da buoni italiani rimandiamo a lunedì tutti i guai e godiamoci sti giorni di riposo.
      Ich wünsche Dir alles gutes.
      Tschüß

      Elimina
  16. Ma grazzzje ... fraulein @Bianca, grazzzje de còre ! :-)))

    Er cazzeggjà ... ce pjace a me e @Vincenzo,
    lui tetone mancato e io romano,
    ce pjace a tutti e dua dacce 'na mano
    e fa' uscì fora er profumato incenzo !

    Dice : "Ahò, emmica tutto è chjaro
    de quer che ve dicete tante vorte" !
    Io jà risponno : "Sarà puro vero,
    ma cor djaletto ... ce pòi rjempì le sporte !

    Eppoi quarche risata ce fà bbene,
    ce fà sdimenticà tutte le pene ...
    prima fra tutte ... quella ch' è la sorte
    de noi cristjani ... l' inizzjo de la morte !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aja! 'ndò sei ito a funì, Bru. Mo che te se pija? Mai parlà de corda a casa dell'impiccato. Morì dovemo da morì tutti quanti, ma perché pensacce propio adesso? Pensamoce domani... anzi mejo doppodomani...anzi ancora mejo, famo che ce penseno quell'antri che la cosa a noi nun ce riguarda.
      Ammazza come vai co la poesia, me pari na scioppettata e ciazzecchi co le rime.
      Bravissimo.
      Bona domenica Bru.
      Te possino...

      Elimina
    2. cavaliererrante : ma che bella espressione :grazzje de core ....mi si apre proprio il cuore... la sua poesia e musica ...come carezza lieve che delicatamente si adagia sull'anima'..per rallegrarla ...
      Mein lieber Herr..ich wünsche Ihnen einen wunderschönen Abend...Un caldo saluto alla bellissima ROMA...


      Vincenzo Jacoponi: Dir auch mein lieber Freund...wünsche ich einen Abend ...voller Poesie... ciao

      Elimina
  17. Noi ci terrèm lontani dalla Morte,
    dalle sue braccia lunghe un po' contorte,
    caro @Vincenzo, in te la tua tristezza
    rispecchierà la mia, ma la bellezza
    ci appaga entrambi e ci fà sussurrare
    vivere è bello ... e bello è sempre amare !
    @Cavaliereerrante
    https://youtu.be/_nVcJ8fD0KU

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai sbagliato secolo nascendo, Bruno. Saresti stato un eccellente rimator cortese in una corte cinquecentesca. Ti andava bene quella degli Sforza?

      Elimina
  18. Massì ... me va bbene, grazzje @Vincè ! :-)

    Ma me sarebbe annato puro bbene
    a bbettola ppjù scrausa der paese :
    co' 'na chitara in mano e vin cortese
    farebbi scordà er monno e le sue pene !

    Perchè er djaletto è come er vino bbono,
    lui nun s' ammoscja, è sempre su de tono,
    lui ce sostjene, ce carica le vene
    de sangue antico e quello er còre preme !

    A Morte ??? Pussa vja bbrutta bbertuccja,
    noi nun ce stamjo ... noi risedemjo artrove,
    e si t' aripresenti, sora mja,
    noi nun ce semjo .... stamjo a 'n' antra vja !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Er guaio è che lei cià tutti l'indirindizzi de noantri. Ce dev'esse quarche puzzone all'antro monno che je fa la spia a la bertuccia tua, perché sta strega nun sbaja mai na strada, na porta, un palazzo.
      Nun ce vojo manco pensà che me s'arriccia er pelo su la schina giù giù fino ar codarone.
      Come sempre je l'ai cantata e sonata in tresteverino bono bono come er vino quann'è bono, ma io resto dell'idea mia: tu sei sprecato nde sto monno de merda e de schifosoni, avressi dovuto da compete minimo minimo co gente come Torquato, che poi magara te faceveno un monumento de bronzo puro a te.
      Ciao Bru, a risenticce.

      Elimina
  19. SMAAACK ... SMAAAAAAACKKKK !!! :.)))
    Ps : ahè, trattesi de bbaci VIRILI !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahò, e vorei vede che fussero non virili!!!
      :)))

      Elimina
  20. Ah ah ah ah .... daje @Vincè, confessiamocelo all' orecchio, in modo che non ci senta nessuno : "A noi, checchèsenedica .... CE PJACENO LE DONNE VERE !!! :-)))

    RispondiElimina
  21. De ciccia, cavaliè, distribbuita bbene assai.
    Primma guardà l'assemblaggio.
    Poi attastallo.
    Poi leccallo.
    E poi...magnasselo co n'inzalatina fresca fresca de contorno....:)))

    RispondiElimina
  22. Beh ... cjè de mooooorto mejo da fa', quanno tutta quela carne ( bbona ) se apre davante a noyo, spalancannoce er mistero de la vita e de la morte, ma a quer punto, e Tu @Vincjè lo sai bbene, più che ar membro eretto, bbisoggnja affidacce a l' anima, e raccomannacce ar dio @Eros perchè ce guidi, siccome fece @Virgilio cor @Ghibbellin fuggjasco, in quer perenne, dorcissimo mistero che è la Donna !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me so lassato guidà, Nun so si era Virgiglio oppuro er Ghibellin fuggiasco, ma á fatto er fijo de na mignottona: m'á fatto entrà drento all'antro misterioso e poi se n'è ito sto puzzone senza dimme gnente, senza un fischio un saluto na pernacchia, gnente. Me lo so girato tutto s'antro servaggio e mo nun trovo la strada pe sortì de fora. Ma qui fa caldo e se sta bene assai. Io ce resto e chi se ne frega.
      Te saluto a Bru.

      Elimina