venerdì 5 luglio 2013

QUESTO TUO VOLTO


 Questo tuo volto duro, scabro, che buca le mie notti,
che riesco solo a scolpirmi nella immaginazione,
questo tuo profilo affilato che incide
il silenzio dello spettacolo muto della mia
giornata, percorrendone i contorni
senza penetrarla mai, questa eco
ovattata della tua voce per un'unica volta
brevemente ascoltata, è tutto quello che ho di te
e che solamente nel sogno prende vita.
Sei depositata dentro di me,
respiri nel mio respiro, navighi nel mio sangue.

16 commenti:

  1. Bella Vincè.
    Amo particolarmente questo passaggio:
    "questo tuo profilo affilato che incide
    il silenzio dello spettacolo muto della mia
    giornata, percorrendone i contorni
    senza penetrarla mai"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è uscita dal cuore, o dall'anima, o da sotto la pelle non so. Mi sono venute parole dietro parole come se svolgessi un gomitolo di filo. All'ultima "sangue", sapevo che era finita.
      Qualche volta funziona.

      Elimina
  2. Non so chi sia costei (non so perché ma credo sia una donna) ma evidentemente ti ha lasciato un segno profondo.
    Anche in me ci sono queste presenze che navigano nel sangue. Una su tutte. E sarà così fino alla fine dei giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto brillantemente giusto: trattasi di una donna che ha impresso dentro di me un segno che non andrà mai più via.
      Le presenze che navigano nel sangue possono farlo finché il tuo sangue scorre, indipendentemente dalla loro volontà, per cui saranno lì finché tu avrai vita.

      Elimina
    2. Ma ad Annamaria la cosa non scoccia un po'? ahahahahahahahah Comunque, bellissima poesia! Ti dirò, mi sarebbe piaciuto molto ispirarla io a qualcuno negli anni della gioventù e vedermela recapitare ora nella stagione autunnale della vita!

      Elimina
    3. Non andare giù pesante: nella vita di ogni artista è sempre esistita un'ispiratrice elettiva e misteriosa.
      Forse quel qualcuno esiste, solo non ha la facoltà di esprimere i suoi sentimenti come so farlo io, forse lui potrebbe farlo meglio di me, chi lo sa?

      Elimina
  3. È una persona a te molto cara,
    vero Vincenzo, che so, forse tua madre, nel tuo ultimo immenso ricordo.
    Bella come sempre, la tua poesia, nella sua realtà cruda e vera.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si rivelano mai le fonti dell'amore, quelle del dolore e l'oggetto dei propri desideri e della propria nostalgia.
      Una poesia, se è vera, se è bella, gode di una vita propria, a volte breve, a volte lunghissima, a volte eterna.

      Elimina
  4. Sono la solita SPia,
    scusa non volevo essere indiscreta, ma solo farti sapere ciò che avevo provato nel leggere i tuoi versi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati, avevo capito che non volevi essere indiscreta. Forse la mia risposta ti è sembrata un po' burbera, invece io volevo solamente lasciare la poesia libera di andare dovunque e da chiunque. Se le avessi dato un qualsiasi destinatario le avrei tolto qualcosa del suo essere godibile per tutti.
      Certo che sei "la solita" SPia. Apprezzabile proprio per questo.

      Elimina
  5. Una delle tue poesie.
    Chi altri potrebbe colpire così duro con i suoi versi e arrivare alla nostra essenza?
    Respiri nei miei respiri, navighi nel mio sangue.
    Quanto dolore da questa mancanza.
    Ciao Vincenzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vado oltre, completando la tua prima espressione: una delle mie poesie meglio riuscite.
      Ciao Mariella.

      Elimina
  6. Ciao Vincenzo!
    Tutti i poeti portano dentro il cuore per poi esprimerla nelle loro poesie o nei loro racconti quel velo di "tristezza" misto a malinconia per qualcuno o qualcosa che è andato perso ma non disperso perché ancorato nei sentimenti e nei ricordi,cassetti chiusi ma non ermeticamente….
    Bella,bella bella!
    Buona Domenica :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel commento, grazie.
      La domenica è stata buona.

      Elimina
  7. Non riesco ad immaginare una donna dal "volto duro, scabro" ma che nonostante questo ha saputo conquistarti sino a portarla nel cuore.
    E' proprio vero che talvolta siamo attratti da particolari che non hanno nulla a che vedere con la dolcezza, la tenerezza.

    Con questo verso "Sei depositata dentro di me,
    respiri nel mio respiro, navighi nel mio sangue" deduco che è stata, e lo è ancora, una persona molto importante per te. Immagino sia uno di quei segreti che giacciono in fondo all'anima..un segreto innocuo di cui tua moglie non deve temere nulla ^__^ ciao Vincenzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fonte dell'attrazione è misteriosa, quasi sempre.
      Sì, si tratta di una persona molto importante, ma non è un segreto e mia moglie non ha nulla da temere né da recriminare.
      Ciao Alessandra.

      Elimina