sabato 7 dicembre 2013

UNGHIE D'ORO



Unghie d'oro scalfiscono
l'ombra del cielo,
scorticano
i buoni propositi appesi da anni:
sono menzogne di piombo,
precipitano
appena denudate;
pioggia di tizzoni consumati,
sedimentano sui pavimenti
dell'anima.

Cenere e polvere, 
sassi.

14 commenti:

  1. Non può l'inesistente dio denaro distruggere i buoni propositi.
    Bisogna fare promesse che si riescano a mantenere altrimenti meglio stare in silenzio.
    Ti abbraccio caro Vincenzo.

    P.s. ma sei proprio tu nella fotina??? Complimenti è davvero bella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava S.Pia, hai azzeccato il senso delle "unghie d'oro", brava, pensavo di essere stato più ermetico.

      P,S. Sì, sono io l'estate scorsa sul Monte Lussari in Carnia. Stupendo il posto e la giornata unica. vale la pena issarsi fino ai due mila.

      Elimina
  2. Quel "sassi", alla fine, è meglio di un qualsiasi punto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo trovo anche io. Vale una pietra tombale.

      Elimina
  3. Eppure rimane qualcosa in quella cenere,
    Qualcosa che ci è costato.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cenere delle nostre vite, del nostro orgoglio, Cristiana.

      Elimina
  4. sì sì...sei un uomo senza tempo...gli anni che passano a te fanno un baffo ^__*
    Non c'entra nulla col post ma fa niente..mi andava di dirtelo!!
    Buona serata Vincenzo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi lamento, Alessandra, sarei uno stupido se lo facessi. Ma ti prego di credermi che non l'ho messa io la foto: era qui la mia nipotina del cuore e mi ha detto che quel segno rossiccio non le piaceva più tanto. Ha armeggiato e...io l'ho lasciata fare.
      Buona domenica!

      PS. Adesso metti il tuo di ritrattino.

      Elimina
  5. Vedi che anche le nipoti hanno qualcosa da insegnare??..ti ha dato le indicazioni giuste..è vero quello che ha detto...
    In fondo non fai mistero del tuo nome e cognome perchè non mostrare anche la tua foto?
    Il mio ritrattino?....ma se ho inserito tantissime foto..oramai conosci i miei lineamenti a memoria :))
    Notte Vincenzo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che farei io senza le nipoti. Ne ho tre: Cristina -l'autrice del ritrattino su web-, Sofia appena diventata maggiorenne, bellissima e intelligente con un unico grosso difetto, sta in Italia e non la vedo quasi mai, e Alessia una mocciosa di sei anni con un caratterino che non ti dico. Poi ho tre nipoti masculi.
      Se i figli so piezze e core, i nipoti so tutto il resto, credimi in parola.
      Foto tue? Arrivano e scompaiono velocissime come sono arrivate...

      Elimina
  6. Io invece ci leggo l'ardore di una passione che va esaurendosi ( i tizzoni consumati che si adagiano sui pavimenti dell'anima) perchè non corrisposta come si credeva inizialmente (menzogne di piombo). Tu mi dirai che ho detto na strunzata, ma va bene lo stesso. :-)

    RispondiElimina
  7. Ho imparato al liceo che nessuna interpretazione di un testo poetico è da scartare a prescindere, purché sia espressa in termini corretti e moderati. I tuoi lo sono quindi la tua interpretazione va rispettata.
    Comunque le "menzogne di piombo" andavano riferite ai "buoni propositi" dell'autore, non a terze persone. Questo per sgombrare il campo da fuorvianti interpratazioni della parola "menzogna".

    RispondiElimina
  8. Ciao Vincenzo!
    Un classico,tutto scompare,tranne il ricordo dell'esistenza passata eppure quella cenere o quei sassi dovrebbero ogni giorno essere presenza costante di tutto quello che un giorno è stato dato e fatto a prescindere
    abbracci :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È così Claudia. Un classico, hai ragione. Restano però appesi per aria, nel vuoto, tante buone azioni mai fatte, tanti bei propositi mai messi in atto, che non vale tenere ancora in divenire, ma crollano. C'è il rammarico di non essere stati in grado di relizzare tutto quello che si voleva, ma il tempo scorre lento "os potamòs", come un fiume e porta via con sé tutto.

      Elimina