lunedì 17 marzo 2014

DESIDERI RAPPRESI



Tacere e ascoltare
il silenzio sonoro delle mie notti
espandersi verso punti infiniti;

camminare scivolando
sopra superfici umide di pioggia
senza bagnarsi i piedi;

affondare le dita nel ventre della terra
e rimanere immobile
piantato a testa in giù, respirandone gli umori
in uno scambio di aliti

e di desideri rappresi.

21 commenti:

  1. Forse è uno dei modi per sentirsi in armonia con ciò che ci circonda e che tendiamo a dimenticare. Così come i nostri desideri.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può darsi. È comunque una sensazione o una serie di sensazioni che emergono alla superficie della pelle. Non necessariamente solo di notte.

      Elimina
  2. Basta ascoltare l'universo che ci circonda, magari anche solo per un momento, accogliere l'infinito in noi. Wow, come sono diventato profondo... :)
    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Profondo e acuto, XQ.
      Ti vedo allontanarti svolazzando per il cielo...:-D

      Elimina
    2. Pensa che potrebbe accadere davvero :)

      Elimina
    3. Ma non saresti solo. Voltati: sono lì che ti seguo. È per questo che "ti vedo allontanarti svolazzando per il cielo".
      :-DDD

      Elimina
    4. Non c'è un modo delicato per dare certe notizie, ho la leucemia, se le cure non funzioneranno il volo non è da escludere.
      Xav

      Elimina
    5. Xavier, mi permetti di abbracciarti forte forte? Ce la farai, DEVI farcela!

      Elimina
    6. Xavier Queer mi getti nello scoramento. Io facevo la battuta e pensavo tu mi venissi dietro, dandomi il là per la prossima e invece tu alludevi....Cazzo, mi dispiace troppo! Di aver giocato, intendo dire. Ma tu non devi mollare, sei matto! La leucemia è guaribile nel 93,55% dei casi (recenti statistiche) e tu vorresti rimanere in quel 6,45%? No, caro mio, ce la devi fare senza se o ma. Dai XQ siamo tutti con te!!!

      Elimina
    7. Ciao Vincenzo!
      Chissa' come mai i silenzi della notte sono tanto rumorosi..eppure si continua a chiamarli silenzi,forse perché è quello che ci circonda ad essere privo di suoni mentre dentro noi esiste un'orchestra che emana musica amplificata che nessuno puo' fermare tranne noi..a volte
      Un abbraccio :))))
      Ti chiedo scusa per le mie mancanze non succederà' più a volte ci si dimentica degli amici di blog che ti arricchiscono leggendoli,tu e i tuoi lettori..

      Elimina
    8. I miei silenzi notturni sono rumorosissimi, delle vere e proprie caciarate. Mi ci ruzzolo dentro beatamente. No, non li fermo, né abbasso l'amplificatore, me li godo.
      Non ti devi scusare di niente. Complimenti per la nuova foto!

      Elimina
  3. Non volevo rovinare l'incanto con frasi inutili, poi ho deciso, bella e basta.

    P.s. ho scritto un commento nell'altro post che è scomparso, forse è stata colpa mia, a volte sono precipitosa. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu non rovini niente, mai, stai tranquilla ed ogni tuo commento è centrato e sobrio.

      PS. Qual'è il post che è scomparso, se vuoi illuminarmi?

      Elimina
  4. Era sui bellissimi alberi di ciliegio, sul come stai e sull'amore per la natura che ti rende sensibile e te lo dico solo ora, ti accomuna a mio padre.
    Purtroppo si è forse cancellato, ma la sintesi è questa, baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai un padre che ama la natura? Tutte le figlie di padri amanti della natura sono molto sensibili, chi lo sa perché. Anche le mie due. Mi spiace che si sia cancellato, ma la sintesi è sufficiente. Grazie S.Pia.

      Elimina
  5. Grazie Vincenzo e grazie Ornella!
    Un abbraccio
    Xavier

    RispondiElimina
  6. Ancora grazie a tutti voi!
    Xavier

    RispondiElimina