lunedì 3 marzo 2014

GRAPPOLI


Appendo a questo cielo di cartone
i grappoli di luci colorate
delle feste dei bambini,

le loro lacrime trasparenti
di gioia e di rabbia,
i loro rimpianti quando saranno cresciuti,
le mie domande di adesso:

perché ho abbandonato quella riva spensierata?
Dove ti sei nascosta, mamma
e tu, padre mio?

26 commenti:

  1. Sono nascosti nel tuo cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È molto, molto probabile, anzi è sicuro.

      Elimina
  2. Come dici tu a me, anche io ti dico di vivertela senza troppe domande. E alle domande di adesso rispondi con gioia e divertimento ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa si chiama "risposta di rovescio lungo linea" Devo correre per acchiapparla e rimandartela oltre la rete....pant...pant...pant
      :-))

      Elimina
  3. a volte sono le "rive spensierate" che si allontanano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comincio a pensare che tu sia un filosofo, Riccardì.
      Però....hai ragione.

      Elimina
    2. e detto da te è un vero complimento :-)

      Elimina
    3. Rido compiaciuto. Posso no?
      :-))

      Elimina
    4. ghe mancarìa... ah ah

      Elimina
    5. "mancaria"? Siculo è ? Siculo sei ? Minghiaaaaa!
      :-))

      Elimina
    6. ma noo, a l'è milanès... :-)

      Elimina
    7. e se te se' ignurant ti... :-D

      Elimina
    8. Mi sa che me so ignurant mi...:-D

      Elimina
    9. ah ah ma muchela :-)

      tradotto: "ma smettila" :-)

      Elimina
  4. Penso spesso alla mia infanzia.
    Un periodo che spesso rimpiango. E che mi porto nel cuore.
    Proprio come fai tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al centro del tuo cuore, scommetto, protetto da ogni lato e inaccessibile a tutti. Stai messa bene anche tu.
      Proteggi quel mondo da tutte le intemperie: è il periodo più bello della vita, te lo garantisco io, che ho il doppio dei tuoi anni.

      Elimina
  5. ci penso il meno possibile ho perso molte cose

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raschia il fondo della botte: non puoi aver dimenticato tutto, non ci credo.

      Elimina
    2. non ho dimenticato nulla , il problema è questo

      Elimina
    3. Allora goditi i tuoi sacri ricordi, Lillì. Non è un problema: se ci pensi bene è una gioia immensa.
      Un bacio.

      Elimina
  6. io ci penso perchè il tempo è letteralmente volato... :'-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella risposta Riccardì, come sempre.

      Elimina
    2. Mi sembra di avere un vuoto dentro, non rimpiango quasi niente, a parte i miei cani.
      Cristiana

      Elimina
    3. Se hai un vuoto dentro è segno evidente che qualcosa -tutto quello che prima lo riempiva- ti manca anche se non te ne avvedi.
      "...a parte i miei cani...". Non ci crederai, ma io rimpiango Picci e Micione, i miei due meravigliosi gatti persiani. Amavano me almeno quanto io li amavo.
      Mi mancano da matti.
      Enzo

      Elimina