domenica 10 maggio 2015

AL POSTO DELLA VITA


Ogni giorno leggo, ogni momento
penso, stringo nei pugni
l'aria delle mie evolute
immagini;

m'inseguo, mi raggiungo e mi precedo;

respiro, sospiro e qualche volta
piango, ma unicamente quando sono solo.

Tutto
da quando ho messo i sogni
al posto della vita.


**

Maximiliansau, 10 aprile 2015, di notte.

27 commenti:

  1. "m'inseguo, mi raggiungo e mi precedo"
    Questa un'arte invidiabile; meno il piangere da soli, che è poi un essere gelosi delle proprie lacrime, più che vergognarsene.
    La vita è sogno infine. Chi si sognerebbe di affermare il contrario?
    Grandissimo Vincenzo.. la notte è uno scrittoio magico...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un arte invidiabile, dici, girarsi intorno senza "tangersi" mai. Ad un poeta come te non può che piacere questa immagine. Hai ragione sulle lacrime: le mie sono non così rare come gli altri pensano, le più frequenti scorrono dentro, dietro gli occhi e non davanti, e io ne sono gelosissimo. Vergognarsene no. Mi capitava da piccolo, perché mi faceva sentire una femminuccia. Poi ho capito che piangere è proprio degli uomini veri.
      La vita è sogno, lo scrisse per primo Calderon de la Barca come sai.
      La notte è la parte migliore della giornata, almeno per me, momento dei pensieri profondi lasciati liberi di evadere.

      Elimina
  2. Molto belli questi versi e devo dire caro Vincenzo anche molto veri, più di quanto si possa pensare..
    Una buona domenica per te e un abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Picasso diceva di avere studiato una vita intera per poter riuscire a disegnare e dipingere come un bambino. Io non ci sono ancora del tutto riuscito, mi esercito. Quello che mi riesce perfettamente invece è scrivere come un bambino. È facile: basta lasciare andare sentimenti e pensieri, liberarli da lacci e da ormeggi, ripulirli degli orpelli delle cosiddette buone maniere ed ecco che le parole scivolano fuori e io le corro dietro. Tutto qui.
      Una buona domenica anche a te, Nella.

      Elimina
  3. A tante persone non basta una vita intera per avere un sogno.
    Respiro, sospiro, pensiero e qualche volta pianto.
    Continua a sognare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Xavier, che bello ritrovarti. Di nuovo in forma spero. Lunga vita a te, amico mio. Come sempre hai messo il ditino nel posto giusto: c'è chi per fortuna sogna sempre, chi invece non sogna mai. Questa gente sinceramente mi fa molta pena. Ne conosco un paio. Parlare con loro è di una noia mortifera: solo seriosità, calcoli, bilanci e stupore quando racconto loro i miei sogni. Da come mi guardano direi che mi giudicano come un alienato e non sanno come io giudico loro. Costoro respirano solamente per riempire i polmoni d'aria e sopravvivere, io, te e altri come noi respiriamo per continuare a sognare.

      Elimina
  4. Ciao Vincenzo!
    Ottima scelta mettere i sogni al posto della vita.. perché i sogni non svaniscono finché non si abbandonano!
    Ti abbraccio tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La differenza sta nel fatto che la vita non ha altra regola che il tempo che scorre costantemente, mentre tu coi sogni fai balzi da gigantesco canguro in avanti e in dietro di qua e di là e sei sempre giovane perché il tempo lo fermi là dove ti fa comodo. Una straordinaria risorsa, non potevo lasciarmela sfuggire.
      Altrettanto ti abbraccio io.

      Elimina
  5. Io non saprei vivere diversamente da così. E lo hai descritto perfettamente. Lacrime in solitudine comprese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non so vivere che così. Di te so e me ne rallegro.
      Succinto come te, ma profondamente in sintonia.

      Elimina
    2. Non è sempre indispensabile dilungarsi. Bastano poche parole e grande respiro.

      Elimina
    3. Mi trovi perfettamente d'accordo.

      Elimina
  6. Splendida Vincenzo.
    Solo una cosa...per te il fatto di sostituire il sogno con la vita è sbagliato? Ti fa soffrire? O lo accetti serenamente come qualcosa di giusto e naturale?
    Perché per me è impossibile dividere le due cose, sogno e vita sono uniti, sovrapposti...il sogno è la vita e viceversa.
    Inoltre io con i sogni ho un rapporto molto stretto...ahahahahah...
    Baci mio grande amico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No. Non è assolutamente sbagliato ma essenziale. È ciò che faccio da sempre, che mi ricordi. Anche per me la vita è sogno e viceversa.
      Bacioni

      Elimina
  7. Colline da pianura, da passeggio
    La bruma fatta a mano, vita a credito
    Vaneggìo a filastrocca
    La cultura a pacchetti
    Domata
    Fai l'appello
    Militi ignoti sciapi da dozzina
    Mezz'interi, spolpati, a teledramma
    Amica solitudine sottecchia
    Al ti rodi un'invidia a restar sola
    A trastullo che blande
    Il ti vivi a scommessa
    Il tuo far finta d'essere in compagnia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La poesia è bella, se è tua ancora più bella.

      Elimina
    2. Chiarochessì
      Ne ho balle ma da non protagonista

      Elimina
    3. Ogni poeta esprime i propri sentimenti, per cui è protagonista delle sue poesie.

      Elimina
    4. No: racconta gli accadere che non suoi ma a tutti che i falsi padroni dell'accade; va a pesca al mai s'inventa, se è leale: ama dir di accadendo, al punto e basta

      Elimina
    5. Insomma è un trascrittore di eventi e di sensazioni a tuo modo di vedere.
      Posso anche essere d'accordo,

      Elimina
  8. Anche io ho sempre adorato la notte, non solo per i sogni, anche per la vita.
    Sono sempre stata un animale notturno , sempre alla ricerca di qualcosa di fantastico da poter ricreare anche nella vita reale.
    " stringo nei pugni
    l'aria delle mie evolute
    immagini"
    questo è un bellissimo pensiero che non avrei mai saputo scrivere, ma che condivido pienamente.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo entrambi animali notturni. Io vivo di notte le mie giornate e di giorno le rimpiango. Verso sera m'invade la gioia per la nuova vita che mi si sta avvicinando. Ma sognare ad occhi chiusi, nel sonno intendo, non è altrettanto appagante che sognare ad occhi aperti.
      Vin

      Elimina
  9. Tu non sai quante volte ho messo la vita al posto dei sogni, quante volte ho pianto da sola. Tante volte amico mio, forse troppe, ma con la vecchiaia ho e sto imparando a fare il contrario perchè quel poco tempo che mi rimane di vita deve essere splendido e solo mio. Bella poesia, piena di molti significati.... Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si piange solamente da soli (scusa il pasticcio); quelli in compagnia sono pignistei.
      Hai il coraggio di chiamarti vecchia tu?
      Grazie della ricerca che fai....a ritroso.

      Elimina
    2. Ne ho 63... Grazie a te di aver scritto questi bei post

      Elimina