venerdì 17 luglio 2009

Breve commento prevacanziero

Capito allora cosa intendo per ritmo narrativo?
Quando una parola tira l'altra e nessuna è di troppo; quando il lettore si aspetta che qualcosa immediatamente succeda e veramente succede qualcosa; quando non ci sono commenti inutili, oppure pause inadeguate e fuori posto. Tutto qui.
Allora si arriva alla fine del racconto o alla fine del capitolo in un baleno.

Tornando a "Martedì" mi manca di parlare e discutere dei personaggi maschili, in effetti solamente due, ma per farlo come si deve occorre tempo, e per adesso questo tempo non c'è. Sono arrivate le vacanze per voi e per me, per tutti.
Quindi stacchiamo.

Auguro buone vacanze a tutti, soprattutto a Giulia in Normandia, a Barbara un po' qua e un po' là, a Cristina S. sulla foce della Loire, a Cristina G.B. speriamo in montagna (a Bardonecchia?).
Anche a me stesso.
Me le farò sulla laguna di Grado, Gorizia, guardando le sponde croate.
Bel posto: andateci, ma vi consiglio di lasciare la macchina a casa vostra, perché parcheggi...nisba, nemmeno a pagamento...a meno che non ci proviate all'alba. Con un po' di fortuna un buchetto si trova.

Ciao a tutti, ci risentiremo a settembre.

Nessun commento:

Posta un commento